Venere e Marte

Oggi sono stata a pranzo con un bel gruppo di amici e mi sono davvero divertita nell’ascoltare il confronto di opinioni tra uomini e donne su svariati argomenti.
Mentre tutti parlavano, dentro di me mi chiedevo…ci capiremo mai?
Per un attimo mi sono estraniata dai discorsi e ho provato a pormi come osservatrice esterna totalmente al di sopra delle parti. Ed e’ stato come essere sedute ad un tavolo dove qualcuno ti parla in Inglese e qualcun altro ti risponde in Francese. Due lingue diverse, due modi di pensare che non si incontreranno mai,  ma la cosa che a mio parere dovremmo iniziare a cambiare nel nostro atteggiamento, e’ quella di smetterla di vedere questa diversita’ come un problema ma di vederla come una cosa divertente.
Perche’ uomini e donne non riescono ad accettare che siamo diversi e a prendere il meglio dalle loro diversita’?
Perche’ anziche’ continuare a voler far diventare gli uomini come le donne e le donne come gli uomini non ci costruiamo una vita che contempla queste marcate differenze? Non voglio assolutamente dirvi che io ne sia capace, anzi…dico solo che e’ divertente essere diversi.
E’ bello che gli uomini siano schivi, che fatichino ad ascoltarci, che siano meno romantici di noi, che si dimentichino le cose…sono uomini! E se fossero troppo dolci, romantici, attenti, presenti…alla lunga non ci andrebbe bene perche’, a mio avviso, perderebbero il fascino dell’uomo.
Cosi come e’ giusto che a noi piaccia parlare tanto,  fare shopping, urlare per una bella notizia, che passiamo ore in bagno a prepararci,  che non sappiamo mai cosa metterci e che la nostra valigia per il week end sia piu’ grande di quella che loro preparano per un mese…e’ parte della nostra femminilita’.
Ritroviamo i nostri ruoli  originali  e cerchiamo di smetterla di volerci cambiare.
In fondo quante volte ci siamo dette: “non ci sono piu’ gli uomini di una volta”
E allora magari iniziamo noi a lasciare che gli uomini siano uomini sperando che poi loro ci lascino essere donne in santa pace.
Almeno proviamoci…
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

2 commenti

  1. domenico

     /  maggio 10, 2012

    come sarebbero “gli uomini di una volta”.. magari lo sono, ma senza saperlo!.. o magari non sono ne di “una volta” e neanche di “questa volta” !… 🙂 !

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: