Single discriminati

Oggi ero all’Ikea con un’amica. Abbiamo dovuto parcheggiare lontanissimo e portarci da sole i carrelli carichi, perche’ i posti vicini all’ingresso erano liberi, ma riservati alle famiglie. Per non parlare del fatto che quando torni a casa e ti devi montare i mobili senza un uomo e’ pressoche’ impossibile riuscirci.

Quando ho fatto il mutuo per casa mia, mi hanno fatto un sacco di problemi perche’ sono monoreddito.

Se vado al supermercato,il “formato famiglia” e’ sempre molto conveniente, mentre il reparto single, fatto di porzioni ridotte, costa il triplo. E se compri in confezioni grosse butti via tutto.

Al lavoro tendenzialmente dai la precedenza nella scelta delle ferie e degli orari a chi ha figli e famiglia.

Non e’ legalmente possibile adottare un bambino se non hai un compagno.

Se vai in vacanza da sola ti fanno pagare il supplemento singola.

In italia si festeggia solo il San Valentino. A New York ad esempio il 13 febbraio e’ la festa dei single che e’ diventata piu’ famosa e piu’ vissuta del”vecchio” 14 febbraio.

E questi sono alcuni degli esempi che ci fanno capire quanto la nostra societa’ sia discriminante nei confronti di noi single e, lo trovo davvero ingiusto.

Poco importa se sia per scelta o no. Ci sono al mondo tantissime persone che vivono sole per i piu’ svariati motivi. Pensate anche a una signora anziana a cui e’ mancato il marito o viceversa; a tutti i divorziati; a chi come me non ha ancora trovato la Metamela; ai giovani che si comprano a fatica la prima casa.

Essere soli non sempre e’ una scelta, come nel caso delle persone anziane. Perche’ la societa’ non fa nulla per agevolare le persone sole? Perche’ veniamo “puniti” per non avere un compagno o per non aver fatto figli?

Qualcuno dice che e’ per l’influenza del Vaticano; viviamo in un paese dove la famiglia viene idealizzata. I single sono considerati il fallimento della societa’. E questo porta spesso le persone ad accoppiarsi anche se non ne sono convinte. Perche’ conviene, perche’ la societa’ ci spinge a farlo, perche’ dopo una certa eta’ tutti se lo aspettano;  perche’ ti fanno pensare che da solo non ce la potrai fare e perche’ ti fanno venire paura della solitudine. Perche’ sin da piccola, nelle favole, ti raccontano che deve essere cosi’.

Quindi si accoppiano, fanno figli e poi spesso, purtroppo, divorziano. E la cosa assurda e’ che poi, le stesse persone che impongono queste “convenzioni”, sono le stesse che si domandano come mai ci sono cosi tanti divorzi, come mai non ci sono piu’ valori e come mai la gente si tradisce.

Se la vita da single fosse piu’ agevolata e meno giudicata, probabilmente ci  sarebbero piu’ persone felici ed appagate, meno divorzi, meno bambini che vivono con genitori separati, meno tradimenti, meno gente depressa e meno stress.

Io non sono assolutamente contro le famiglie e anzi, ammiro chi è riuscito seriamente a mettere su famiglia e a tenerla unita in serenita’.

E quello che mi auguro, e’ quello di riuscire ad averne una mia; mi auguro di trovare un uomo che mi ami veramente e che non vada in giro a tradirmi regolarmente per la citta’, che non abbia una doppia vita e un’amante piu’ o meno fissa. Spero di mettere al mondo dei figli che possano vivere con due persone che si amano davvero e  che non stanno insieme solo per dividere le bollette o perche’ i genitori non vogliono una separazione; spero che il mio uomo possa svegliarsi accanto a me ogni mattina perche’ lo vuole e non perche e’ costretto da un pezzo di carta; spero che il mio uomo stia con me ogni giorno per scelta e non soltanto perche’ la legge italiana tutela solo la donna.

Questa societa’ e’ un disastro. Costringe le persone a stare insieme per forza e non per volonta’.

Quello che vedo in giro non mi piace, salvo rari casi e, finche’ non sentriro’ di aver trovato davvero una persona che condivida i miei stessi valori rimarro’ single, orgogliosa di esserlo, con o senza l’aiuto della nostra societa’, con o senza l’approvazione della gente.

Perche’ questo vuol dire avere dei veri valori e volersi bene…

Articolo successivo
Lascia un commento

9 commenti

  1. Phil

     /  giugno 17, 2012

    Condivido dal punto di vista socio/culturale meno dal punto di vista economico 🙂

    Rispondi
    • Cioe’ essere single non lo trovi cosi’ costoso? 😉

      Rispondi
      • Phil

         /  giugno 17, 2012

        è costoso a livello individuale…ma lo è di più avere 2 o 3 figli a carico…diventa costoso se non hai collettivizzazione degli spazi (ad esempio io divido affitto e spesa con i miei coinquilini)…
        i discorsi dei mutui è una questione di garanzie di entrate per le banche…e pur essendo un avversario del sistema bancario capisco la loro posizione…
        Scrivi delle camere…e credo sia logico che un albergatore abbia più interesse ad avere 3 o 4 persone in una camera piuttosto che una…per una questione di entrate…
        poi ho letto del supermercato…ai produttori interessa e non poco vendere una maggiore quantità di prodotto…se ne vendono meno tenderanno a far pagare di +….( pagare due birre piccole viene a costare di + che prendere una media)…
        quindi credo non sia tanto a livello di famiglie o single il discorso economico…ma di collettivizzazione…( teoricamente se tu avessi 2 coinquiline pagheresti molto meno di tutto)

        il punto di vista sociale e umano è pienamente condivisibile…purtroppo quello che descrivi si riscontra spesso e le tue scelte sono senza dubbio sagge e ponderate…quindi a mio modesto parere giuste.
        il discorso di chi rimane solo per cause extra es divorzi o altro perlomeno dal punto di vista economico (specialmente per le donne) diventa sostenibile con gli assegni di mantenimento mentre sempre dal punto di vista sociale purtroppo ci sono un sacco di inutili pregiudizi….

        scusa la confusione ho scritto di getto e son di fretta…naturalmente son pareri…fammi presenti i miei errori da giovane ingenuo!

      • Hai detto delle cose verissime Phil, nulla di contestabile. Resta che pero’, per quanto possa essere giusto chiedere garanzie da parte delle banche o poco conveniente vendere poche quantita’ di prodotto… tutto alla fine si ritorce contro noi single 😉
        Secondo me qualcosa in piu’ si potrebbe fare. Buona notte e grazie per i tuoi commenti sempre molto interessanti 🙂

  2. gattaviva

     /  giugno 17, 2012

    Carissima, sono d’accordo con te dalla prima all’ultima parola. Tanti anni fa mia mamma, sposata da otto mesi e incinta di me da cinque, una mattina sentì dalla stanza vicina che mio padre era al telefono con un’altra donna. Avrebbe potuto far finta di niente “per il bene della famiglia”, invece gli chiese spiegazioni. Mio padre per tutta risposta se ne andò di casa e chiese il divorzio. Mamma mi ha cresciuta tra mille difficoltà, logistiche economiche e sociali, e io non smetterò mai di ammirarla per il suo coraggio. La fatica che abbiamo fatto è meglio di litigi, compromessi, di buonismi di facciata. Di tutto ciò che ci viene spacciato per famiglia, quando è solo una scadente commedia.

    Rispondi
    • Gattaviva io ti adoro! Mi leggi sempre nel pensiero. Di persone che restano sposate con la scusa di fare il bene dei figli e’ pieno. E’ una scusa bella e’ buona perche’ a volte separarsi e’ scomodo, costoso e faticoso. Ma tu sei la prova vivente che si puo’ crescere con una bellissima testa anche con i genitori separati e che sei piu’ sveglia e piu’ avanti di tante persone magari cresciute in famiglie “immaginarie”. Hai toccato un punto caldo su cui non posso che essere totalmente d’accordo. Resta che mi spiace che tu abbia sofferto di questo. Ma tu e tua mamma siete due grandi! Avete tutta la mia ammirazione.Davvero!
      Complimenti per il coraggio che avete entrambe avuto! 🙂

      Rispondi
  3. gattaviva

     /  giugno 18, 2012

    Grazie carissima, in effetti la fatica è stata tanta ma, a tratti da sola altre volte con l’aiuto dell’analisi (non me ne vergogno, è un percorso gravoso sia economicamente che emotivamente, ma aiuta!) ho sempre tenuto duro. Anche ora sto cercando di dare alla mia vita il senso che desidero, voglio tornare a vivere a Roma che è la mia città, quella dove sta mamma e gli amici più cari, e non appena riuscirò ti inviterò a trovarmi… Le serate romane meritano 😉

    Rispondi
  4. Good response in return of this question with genuine arguments and describing all regarding that.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: