Relazioni a distanza

Ultimamente mi sono ritrovata a riflettere sulle relazioni a distanza.

Sono sempre stata contro questa tipologia di rapporto, perche’ sono una persona molto fisica, ho bisogno di contatto con il mio compagno, ho bisogno di quotidianita’ , di confronto continuo. Ho bisogno di tutte quelle piccole cose di tutti i giorni che costruiscono, poco alla volta, le basi per una vita insieme.

E per tali motivi, nonostante la mia apertura mentale e nonostante io abbia amici un po’ in tutto il mondo, mi sono sempre tenuta lontana dalle relazioni a distanza.

Ma e’ giusto rinunciare a priori a delle persone per queste convinzioni?

E’ giusto precludersi un cambiamento di vita per delle paure?

E’ giusto chiudere una porta per un’analisi unicamente razionale?

E se, invece, la mia felicita’ fosse altrove e non qui?

Predico sempre di seguire l’istinto, il cuore e le nostre sensazioni. Ma perche’ poi spesso fatico a farlo?

Insomma, ipotizziamo che ci sia un ragazzo molto interessante, intelligente, educato, sportivo, sexy da morire. Ipotizziamo che viva in un posto che io adoro, clima mite tutto l’anno, mare stupendo. Ipotizziamo anche che io abbia la curiosita’ e la voglia di passare del tempo con lui perche’ magari riesce, piu’ di chiunque altro, a farmi sentire speciale e corteggiata.

Se tutto questo fosse reale mi farei certamente tante domande e, non trovando risposta immediata, mi affiderei, in attesa di un segnale piu’ chiaro.

Se dovessi pensare con la testa mi direi di evitare e di non mettermi in situazioni difficili che fanno soffrire.

Se dovessi ascoltare l’istinto probabilmente mi ritroverei su Internet a cercare un volo che parta al piu’ presto.

Quindi, nell’ipotesi che questo possa accadermi, sarei davvero in conflitto con me stessa. Avrei da un lato la razionalita’ che mi spingerebbe a rinunciare. Non e’ gestibile un rapporto tra 2 persone separate da 10 ore di volo. Mi metterei ad analizzare la situazione e probabilmente penserei di cancellare il suo numero e non pensarci piu’. Sarebbe certamente la cosa meno rischiosa e apparentemente piu’ sensata.

Ma questo andrebbe contro tutta la mia filosofia di vita; cioe’ di lasciare che l’inaspettato accada, di non trascurare i segnali, le emozioni, le sensazioni. Di non pensare mai che cio’ che abbiamo ora sia per forza la cosa giusta e di non avere mai paura di cambiare, ad ogni eta’ e in qualsiasi momento.

In fondo dove sta scritto che la mia Metamela debba per forza essere in Italia, a Milano, e magari pure nei posti che frequento? Il mondo e’ cosi’ grande.

Del resto il volo e’ andata e ritorno, se dovesse andar male potrei tornare in qualsiasi momento. Ma se dovesse andar bene? Cosa succederebbe in questo caso? Quando c’è un oceano tra due persone che si vogliono conoscere e’ meglio rinunciare a priori?

Non lo so, conoscendomi forse alla fine sceglierei il cuore, ma non senza prima porre una piccola domanda spontanea: “Ma una cosa semplice a me mai?”

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

14 commenti

  1. Davide

     /  luglio 23, 2012

    se fosse semplice lasceresti perdere subito…. 😀

    Rispondi
  2. gattaviva

     /  luglio 23, 2012

    Io su quell’aereo ci salirei. Potrà essere una simpatica vacanza, o molto di più, ma se non ci vado non lo saprò mai. E poi, tesò, lo sappiamo bene che se qualcosa DEVE essere, SARA’…e se ne infischierà dei chilometri e dei voli. Tu da lui? Lui da te? Voi insieme in un ulteriore luogo?…oppure ognuno a casa sua?… Per saperlo, devi lasciare che accada!

    Rispondi
    • Come farei io senza di voi? Quando mi perdo sapete rimettermi su quella stessa via di cui vi ho sempre parlato.
      Hai perfettamente ragione…quell’aereo andrebbe preso…Lasciamo che accada 🙂
      Grazie GATTA!!! 🙂

      Rispondi
      • gattaviva

         /  luglio 23, 2012

        …E sai qual’è il bello? E’ che comunque vada sarà un’esperienza, un vissuto ulteriore, momenti che ti insegneranno qualcosa nel bene e nel male. Non dobbiamo avere paura della vita! In bocca al lupo amica 🙂

      • crepi!Ti adoro Gatta! 🙂

  3. Ste

     /  luglio 23, 2012

    non c’è mai un buon motivo per NON prendere un volo……..VOLA e, magari, torna…

    S.

    Rispondi
  4. gattaviva

     /  luglio 24, 2012

    E intanto, ti auguro un felice onomastico… Che sia una giornata foriera di bei momenti (e importanti decisioni!) 🙂 Un bacione Gatta

    Rispondi
  5. FromMars

     /  luglio 28, 2012

    Se questo sentimento, voglia e cosi forte, no ce tanto da pensare…ti aspettano dell”altra parte del mondo…

    Rispondi
  6. Anche io ho sempre pensato che le relazioni a distanza non fanno per me… Poi ne ho vissuta una e, a parte che lui si è dimostrato essere un sottouomo, io ho imparato da me stessa che il sentimento vince su tutto. E’ ovvio che quando cominci e vedi che va avanti uno dei due deve mettersi in gioco e spostarsi ad un certo punto, ma ho capito che se si vuole tutto è fattibile. Finchè rimane astrazione è ovvio avere confusione, se diventa realtà poi te la vivi giorno per giorno.
    Ogni esperienza arrichisce la vita, indipendentemente da come finisce.

    Rispondi
    • Sono molto, molto difficili e ci vuole tanta pazienza. Ma hai ragione, ogni esperienza arricchisce la vita. E a noi non piace tirarci indietro, giusto? 😉
      Un abbraccio

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: