Se fossi un uomo….

Se potessi provare ad essere uomo anche solo per qualche giorno….

Io spero nella mia prossima vita di rinascere uomo, e, se mai dovessi avere un figlio, spero tanto di avere un bel maschietto. La vita e’ molto piu’ facile per loro e ora vi spiego anche il perche’. Prima di iniziare, faccio pero’ una piccola premessa: nella mia definizione di “uomo” escludo in automatico tutti quelli che si fanno la ceretta, le sopracciglia e che hanno nell’armadietto del bagno tante creme quante la loro sorella o compagna. Escludo quelli che si fanno trattamenti estetici e che fanno body building solo per gonfiarsi i muscoli, abusando di sostanze al limite della legalita’. Escludo anche quelli troppo ossessionati dal fisico, che mangiano meno di me e che portano pantaloni piu’ stretti dei miei.

Detto questo, partendo appunto dalle cose piu’ stupide, come il fatto che non dovrebbero avere menate come la ceretta, il parrucchiere, manicure, pedicure e ciclo, possiamo parlare ad esempio del parto; per quanto possa essere un’esperienza stupenda, io vi giuro che l’avrei volentieri lasciata a loro; farei ingrassare loro per 9 mesi, con tanto di nausee, mal di testa, svenimenti, 9 mesi senza poter prendere una medicina e lascerei a loro anche questi dolori lancinanti delle contrazioni. Perche’ diciamocelo, sara’ anche bello, ma di certo non e’ una passeggiata. Poi non sono loro il sesso forte, i guerrieri che sanno soffrire e sopportare il dolore? E mentre sono a casa, appesantiti dalla loro pancia al termine della gravidanza, gonfi come delle mongolfiere in volo… magari andiamo noi donne in giro a farci gli aperitivi con le amiche e a conoscere persone nuove. Che ne pensate cari ometti?

Inoltre, non si devono truccare, stirare i capelli o arricciarli e non devono decidere su 100 tipologie di abbigliamento e dress code da decifrare. O sono in abito, o sono in jeans e sneakers. Non devono portare i tacchi e non arrivano a casa la sera con le piaghe e con i crampi sotto la pianta del piede che ti passano, forse, dopo un paio di giorni.

Sul lavoro hanno le posizioni migliori e sono sempre piu’ pagati di noi. Quando fanno i colloqui vengono presi per le loro capacita’ e non perche’ sono o non sono in eta’ a “rischio figli”.

Ho avuto esperienze di un paio di amiche che hanno abortito ed e’ una cosa che credo gli uomini non potranno mai capire. Perche’ alla fine loro, nella migliore delle ipotesi, le hanno accompagnate. Ma sotto i ferri ci sono andate le donne.

Se a 40 anni sono single sono considerati scapoli d’oro. Se noi donne a 40 siamo single siamo considerate zitelle. Inoltre, se passano da un avventura all’altra sono playboy, mentre noi siamo considerate, diciamo “donne di facili costumi”. Loro con le rughe e i capelli bianchi diventano affascinanti…noi diventiamo vecchie!

Ma piu’ di tutto vorrei essere un uomo per poter decidere io i tempi di tutto.

Se fossi un uomo potrei scegliere io quando chiamare perche’ la mossa spetterebbe a me. Potrei decidere dove andare a cena, quando e se dare il primo bacio e quando e se provarci. Potrei decidere io quando andare a convivere (perche’ tendenzialmente per le donne non e’ mai un problema), potrei decidere io quando dare l’anello, quando e se sposarmi e quando e se fare un figlio. Finalmente potrei avere un ruolo attivo e non passare sempre il tempo ad aspettare. Aspettare una telefonata, un invito, che decida tra me e lei, che decida di dirmi una cosa carina, che decida quando il rapporto possa avere un’evoluzione. Perche’ se ci pensate, alla fine scelgono loro. Oddio, diciamo che loro piu’ che altro non scelgono, ma ad ogni modo la parola finale spetta a loro.

Ma soprattutto, se fossi un uomo, userei la mia educazione e il mio romanticismo per riportare un po’ d’ordine e un po’ di buon senso in questo caos che si e’ creato ormai da tempo. Perche’ ormai davvero abbiamo raggiunto livelli di strafottenza e arroganza quasi incredibili. E, parzialmente, e’ colpa nostra, perche’ glielo permettiamo.

Al punto che io sono ben felice di andare in vacanza con le mie amiche donne e poter fare 15 giorni finalmente a parlare la mia stessa lingua. Perche’ sinceramete, e’ faticoso. E’ come quando al lavoro facciamo delle call in Inglese o in Francese. Non e’ la nostra lingua, quindi facciamo il doppio della fatica. Lo stesso con gli uomini, non parlano la nostra lingua e io…sto facendo davvero tanta, tanta fatica. E sono stanca.

Ho proprio bisogno di una vacanza…

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

16 commenti

  1. Emi

     /  agosto 6, 2012

    Bellissimo anche questo post Cristina!
    Da uomo ti do ragione su tutto, a partire dal preambolo sui cari “mezzi uomini” fino al parto e ahimè, al dramma dell’aborto, che dev’essere un’esperienza inimmaginabile dal punto di vista morale (oltre che fisico ovviamente).
    Detto questo volendo fare l’esercizio al contrario nel tentativo di dissuaderti dall’avere questo tipo di desideri, ti posso dire che, con le dovute eccezioni, proprio per le mille difficoltà di cui parlavi e non solo, il dramma di essere un uomo è di dover avere a che fare con le donne… 🙂

    Fai una rapida panoramica di tutte le donne che hai conosciuto nella tua vita…

    … Ci hai ripensato, vero? :DDD

    Rispondi
    • Ciao Emi! Come al solito mi freghi sempre con le tue controargomentazioni 😉 So che anche noi donne non siamo personaggini facili e, per par conditio, faro’ a breve un articolo che ho gia’ in mente anche sui nostri numerosi difettucci 🙂
      Un abbraccio

      Rispondi
  2. gattaviva

     /  agosto 6, 2012

    Chapeau anche stavolta Cri! Mi hai fatto pensare alle tante volte in cui mi accorgo di “pensare come un uomo”, quando tendo a voler semplificare e non pormi troppe domande… Forse è proprio vero che nell’uomo e nella donna c’è sempre un briciolo del sesso opposto! L’importante però è che il briciolo non diventi pagnotta, con i damerini depilati e le ragazzacce puzzolenti di tabacco e alcol 🙂 Piccolo offtopic: se nei prossimi giorni non hai notizie della Gatta, probabilmente è perchè è morta ghiacciata sul Frecciarossa per Bologna 😦

    Rispondi
    • ciao Gatta!!! Come sempre adoro il tuo senso dell’umorismo 🙂 Ma come muori ghiacciata sul Frecciarossa..dove sei ora?
      Intanto un grande abbraccio 🙂

      Rispondi
      • gattaviva

         /  agosto 7, 2012

        Sono sopravvissuta! Ti scrivevo sul treno di ritorno da Roma a Bologna, a bordo temperatura sottozero contro i 36 gradi esterni… Per fortuna oggi solo cervicale! Besos Gatta

      • ommmmmammamia come ti capisco! Anch’io odio quando ci mettono in una cella frigorifera!
        Bentornata Gatta! 🙂

  3. Alessia

     /  agosto 7, 2012

    Hai fatto un sunto spettacolare….ci pensavo sabato quando sul traghetto per la Sardegna ho incrociato una coppietta, lui depilati sismo sopracciglia comprese! Che orrore!!! Io voglio un uomo, di quelli veri….son quasi stanca di cercare! Quindi per ora mi godo la mia amata Sardegna in attesa della Sicilia! Baci e buone vacanzeeee!!!

    Rispondi
    • ommmiodddioooooo che brutta immagine, anche le sopracciglia depilate!!! 😉
      Ora pensiamo solo alle nostre vacanze Ale, a riposarci e rigenerarci. Cerchiamo di non cercare piu’ perche’ sono un po’ fatalista. Se e’ destino stai pur certa che verra’ lui da noi! 🙂 Un bacione e buone vacanze!!!

      Rispondi
  4. Alessia

     /  agosto 7, 2012

    Vero vero! Arriverà! Buone vacanze anche a te, io quest’anno ho abbandonato Formentera per l’Italia…cambiare fa bene! Baci

    Rispondi
  5. Alessio_Vr46

     /  agosto 8, 2012

    Sono quasi totalmente in accordo con te Cristina!
    Voi donne sopportate e soffrite molto più di noi uomini, e vi rispetto tantissimo per le molte difficoltà che dovete affrontare, molte più di noi uomini.
    Sono però in disaccordo quando parli delle “scelte”.
    Io credo che quando si decide di fare un percorso assieme a un’altra persona, le scelte arrivino rispettando i tempi di entrambi.
    Poi ovvio, se un uomo è attento credo che sappia quando la sua dolce metà è pronta a ricevere l’anello…dai, certe cose spettano all’uomo: non mi piacerebbe vedere la mia eventuale ragazza inginocchiarsi e chiedermi di sposarla (anche se…. 🙂 ).
    Poi quanta ragione hai nell’ultima parte!! Servirebbe un pò di ordine.
    Troppe donne usate da miei colleghi uomini che non sanno amarvi e apprezzarvi.
    E dall’altra parte, quante ragazze stupide, che non si accorgono della fortuna di aver incontrato un ragazzo che le rispetti e le consideri la sua fortuna più grande, continuando ad andare in giro come ochette dai superfighi di turno!

    La gente dovrebbe ritrovare un pò di rispetto, per se e per gli altri.

    Ciao e grazie di avermi fatto scoprire questo tuo fantastico blog!!

    Rispondi
    • Grazie Alessio, mi fa piacere che ti piaccia il Blog!
      Per la scelta….magari dipendesse da entrambi… Insisto nel dire che, purtroppo, anche quando noi siamo pronte da parecchio tempo, la scelta finale la facciate comunque voi 🙂 ehehehe
      Un abbraccio

      Rispondi
  6. kikka

     /  agosto 16, 2012

    Cri….sono d’accordo con te al 100000%…lo sai.. aggiungerei “più conosco gli uomini, più amo le bestie…”

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: