L’amore dura 3 anni

L’amore dura 3 anni: lo dice un libro, lo dice un film, lo dice la mia esperienza personale.
Eppure, i fatti dimostrano che l’amore puo’ andare ben oltre e io, ne ho un esempio nella mia famiglia, avendo la fortuna di avere due genitori che stanno ancora bene insieme.
Ma c’è del vero nel romanzo dello scrittore francese Frédéric Beigbeder. Simpatico il trailer italiano del film, che parte dicendo: una farfalla dura un giorno, una rosa 3, la primavera dura 3 mesi, l’amore dura 3 anni. Visione disincantata dell’amore, ma parzialmente reale.
Intendo dire che, secondo me, la passione e l’innamoramento durano davvero soltanto 3 anni. Poi c’è la prova del 9, la risposta a tutto; se abbiamo scelto la persona giusta, con cui poter condividere una vita e i nostri valori, l’amore puo’ durare all’infinito. Ma serve un progetto, un progetto vero.
Bisogna costruire qualcosa, che sia una casa, una famiglia, qualcosa che ti unisca per sempre. O davvero credo che dopo 3 anni sia difficile altrimenti rimanere uniti.
So cosa state per dire, le statistiche di separati con figli parlano chiaro e puo’ finire comunque. Infatti ho specificato “un progetto vero”. Il che significa impegno, significa condivisione, significa a volte anche sacrificio. Oggi vengono messi al mondo i figli con una superficialita’ disarmante. Perche’ si deve, perche’ va di moda, perche’ e’ figo andare al parco con il passeggino e avere tante foto sui social Network con loro. E non perche’uno ci ha pensato davvero, con tutti i pro e tutti i contro. E poi ops..la coppia scoppia.
L’amore dura 3 anni, dopo diventa progetto che, se fatto bene, puo’ durare una vita intera.
In fondo e’ come costruire un palazzo. Se alla base ci sono buone fondamenta regge al tempo e alle calamita’.
Se e’ stato fatto di fretta e superficialmente crolla alla prima folata di vento.
Il tempo deve essere un alleato, non un nemico. C’e’ sempre troppa fretta nell’accoppiarsi come se, a una certa eta’, l’orologio biologico avesse dato la sua scadenza. Ed e’ proprio qui che vengono fatti gli errori peggiori.
Chi mi segue da un po’ sa bene che sono una persona molto istintiva, che credo al colpo di fulmine e sono altresi’ molto fatalista. Non mi piacciono gli “accanimenti terapeutici” e credo fortemente che sia giusto lasciare che le cose accadano, nel bene e nel male. Confermo ogni parola. Ed è il modo in cui vivo, sono una persona sensibile, romantica, emotiva. Ma grazie al cielo ho anche una parte razionale, motivo per cui non mi sono mai sposata e non ho mai messo al mondo figli, nemmeno con l’uomo che ho amato di piu’. Perche’ la verita’ e’ che non mi sono mai sentita veramente sicura.
Ci deve essere una profonda convinzione quando si decide di passare il resto della vita con una persona, perche’ la passione finisce, l’amore finisce cosi come l’attrazione reciproca. Bisogna reinventarlo, coltivarlo, trasformarlo e per farlo, dobbiamo scegliere la persona giusta. Non per i nostri amici, non per i nostri genitori, non per quello che ci viene imposto, non sulla carta. Deve essere giusta per noi.
E non dobbiamo avere il minimo dubbio.
Io purtroppo non l’ho ancora trovata e finche’ non la trovo non ho nessuna intenzione di accontentarmi.
Grazie al cielo viviamo in una societa’ che, volendo, non ci fa sentire mai soli e per chi e’ single come me lancio l’ennesimo appello: la vita da single non e’ poi cosi’ male!
E quando un giorno avrete famiglia, un pochino, la rimpiangerete. Perlomeno, cosi’ mi dicono tante mamme e tante donne sposate che conosco. Godiamoci il nostro status ed evitiamo di desiderare sempre cio’ che non abbiamo. Ogni condizione ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi. Viviamoci la parte positiva e non pensiamo sempre e solo al bicchiere mezzo vuoto.
Il vero amore prima o poi arriva, ma, nel frattempo, imparate a distrarvi….

Articolo successivo
Lascia un commento

2 commenti

  1. gattaviva

     /  settembre 29, 2012

    Hai ragionissima, dopo i primi tre anni di passione/entusiasmo/scoperta reciproca o il sentimento si evolve, o finisce. Penso che l’amore vero sia quello che si evolve, pur rarissimo, ed è quello che spero mi capiti prima o poi. Per il momento non c’è, ma dentro di me non ci sono nè disperazione nè orologi biologici che corrono, vivo tutto il buono della mia quotidianità…e, come te, credo che magari quando l’amore sarà con me rimpiangerò un pò la libertà che ho adesso! Viviamo l’oggi, che il domani arriva 😉

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: