Chiamale se vuoi… emozioni

Io mi nutro di emozioni e non potrei vivere senza.

Spesso mi prendo dell’immatura per questo come se, vivere di emozioni fosse una cosa riservata solo agli adolescenti. Gia’, a quell’eta’ che quasi tutti ricordiamo come l’eta’ piu’ bella e spensierata, dove ogni cosa diventava un evento speciale e dove noi ci sentivamo liberi e felici.

Quindi perche’ mai dovrei privarmi delle emozioni sapendo che mi rendono felice?

Il fatto che a quest’eta’ abbiamo sofferto, ci dovrebbe portare a un approccio piu’ prudente, e’ vero. Il che significa valutare di avere a che fare con persone dignitose, educate e rispettose, non di evitare di emozionarci per loro e con loro.

Io sono fatta cosi, se vedo un uomo che mi piace mi emoziono, mi batte il cuore, sento il sangue ribollire nelle vene. Ne parlo alle mie amiche, amo condividere questi sentimenti e mi piace raccontare quanto ancora io riesca ad entusiasmarmi all’idea di vedere qualcuno. Quell’agitazione che ti porta a fare cose azzardate, a prenotare un volo pur di raggiungere qualcuno,  a ritrovarti durante un pranzo a gioire per l’arrivo di una persona che non tornava da tempo, a lasciarti ipnotizzare da una canzone, da una parola, da un pensiero; e se questo significa essere immatura allora mi sento la donna piu’ immatura del mondo.

Vasco canta: “Ho fatto un patto con le mie emozioni, le lascio vivere e loro non mi fanno fuori”

Non c’è nulla di piu’ vero. Io ho lasciato che qualcuno mi emozionasse e mi si e’ risvegliato il cuore. Un cuore ancora convalescente, ma che da poco ha ricominciato a respirare  e a battere da solo. Un cuore coraggioso che si e’ rialzato in piedi dopo una brutta caduta. E’ fondamentale saper rimontare in sella al cavallo subito e bisogna farlo senza paura, anche se ci siamo fatti male.

Perche’ poi, quando ti accorgi quanto e’ bello sentirti coinvolta, lasciare che le farfalle volino nel tuo stomaco, quando ti ricordi cosa vuol dire lasciarsi sorprendere da qualcuno, farsi coccolare,  permettergli di prendersi cura di te, agire d’istinto, fare pazzie e  abbandonarsi a lui…rimpiangi ogni minuto che hai perso chiusa in casa a piangere per qualcuno che non ti voleva piu’.

Ed e’ in questo momento che  riscopri nuovamente la paura; ma parlo di quella paura piacevole, perche’ ti fa capire che hai trovato qualcosa di prezioso e temi di perderlo. Come quando indossate un brillante. Vi fa risplendere, vi illumina, ma quando andate in giro, un po’ temete che qualcuno ve lo possa rubare.

Insomma la morale di questo mio breve, ma sentito post, e’ che condivido appieno il pensiero di Vasco e credo che la punizione piu’ grossa che possiamo fare a noi stessi sia proprio quella di chiudere il nostro cuore alla vita. Alla lunga le emozioni soffocate vi uccideranno.

Liberatele….

Articolo successivo
Lascia un commento

11 commenti

  1. marco valletri

     /  febbraio 22, 2013

    Si evita anche la gastrite. A liberare le emozioni intendo. ..ciao

    Rispondi
  2. gattaviva

     /  febbraio 22, 2013

    Come si fa a reprimere qualcosa che ci illumina, ci fa sorridere, ci fa sembrare più giovani e ci leva pure qualche malanno?… Le emozioni sono la vera “clinica della bellezza”! Non rinunciamoci mai 🙂

    Rispondi
  3. marco valletri

     /  febbraio 22, 2013

    Per me, che sono abitudinario al limite dell’ autismo, la ‘pelle viva’ é ossigeno. Mah..sembra un ossimoro

    Rispondi
  4. R

     /  marzo 5, 2013

    Sotto scrivo ogni singola parola. Non ha senso reprimere o ignorare qualcosa che ci fa stare bene. Poi ci sono casi a parte, tipo me, che sono abbastanza gravi, io sono un recidivo cronico. Trovo qualcosa che mi fa stare bene, mi risveglia, so che prima o poi mi farà un gran male ma… nonostante tutto… non reprimo… Ovviamente poi, puntuale puntuale, soffro e ci sto male.. vuoi dopo 6 mesi, vuoi dopo 2 anni.. ma accade… Che devo farci? Non riesco a ignorare quegli angolini di felicità…seppur siano a carissimo prezzo presto o tardi

    Rispondi
    • Fai benissimo a vivere cosi “Ho fatto un patto con le mie emozioni, le lascio vivere e loro non mi fanno fuori”
      🙂

      Rispondi
      • Per ora non mi hanno fatto fuori, ci sono andate vicinissime però…..
        Io sono tonto, non c’è niente da fare….finché non imploderò del tutto andrò avanti così…..chissà mai…….

  5. Giulio Alberti

     /  marzo 7, 2013

    quanto sarebbe sterile, la vita, senza emozioni … 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: