Succede anche ai migliori…

Scrivo questo blog ormai da due anni, condividendo con voi ogni riflessione su qualsiasi quesito sentimentale, dispensando consigli e facendo ironiche liste.

Spesso le persone che mi leggono si sono fatte un’idea di me come di una persona cinica, respingente e che ama stare da sola, descrizione che, come vi ho più volte detto, non sento affatto rispecchiare la mia vera natura e la mia personalità ma, a quanto pare, è l’immagine che traspare di me stessa.

Per questo sorrido ora…perché potrei scrivervi altre mille articoli e scarabocchiare decaloghi di comportamento da tenere nelle più svariate situazioni, ma poi succede che quando ti ritrovi coinvolta e qualcuno ti sorprende, tutta quella lucidità diventa appannamento e i decaloghi diventano una insignificante lista di suggerimenti, in quel momento senza troppa utilità (anche se li ho scritti io); ed è lì che facciamo le cazzate, è lì che si mettono in pratica tutti gli errori che vi dico sempre di non fare. Tutti insieme, condensati in 2 o 3 giorni di straordinaria follia in cui, non chiedetemi il perché, ho perso il controllo; cosa che, forse, mi rende ai vostri occhi più umana, ma che ironicamente mi ha fatto passare per tutto quello che non sono e che mai sarò.

E non fatevi idee sbagliate sono ancora lontana dall’aver trovato la mia Metamela (mai stata più lontana!). Ma ho trovato qualcuno che, con comportamenti assolutamente imprevedibili, ha mandato all’aria tutte le mie convinzioni e tutte le mie teorie facendomi perdere il controllo su ciò che di solito considero ovvio e scontato, e così sono andata in tilt.

Una bella lezione, che forse mi serviva per uscire da schemi comportamentali precotti  e che mi ha fatto ricordare che ogni persona è diversa, che dobbiamo smetterla di essere sempre prevenute, ma soprattutto che, quando ci impegniamo, noi donne sappiamo essere delle vere rompipalle!

Ogni esperienza, soprattutto legata ai sentimenti, andrebbe vissuta seguendo di più il nostro istinto, andando dritti per la nostra strada e senza pensare troppo alle conseguenze, godendoci il viaggio, ovunque esso ci porti, anche se fosse nel bel mezzo del nulla, anche con un pò di quella consapevolezza che non dipende sempre e solo da noi stessi; perché tutti i viaggi finiscono prima o poi, ma se ce li siamo vissuti intensamente, ce li porteremo sempre dentro.

Se iniziamo ad impaurirci per situazioni che ci risultano non familiari e per questo non gestibili, passeremmo il tempo ad angosciarci  anziché goderci le meraviglie inaspettate che offre.

La cosa peggiore, credetemi, è il rimpianto di non aver vissuto una cosa bella per paura. Paura dell’ignoto, paura di qualcosa che ha poco senso, paura di fare cose diverse da quelle che avevo sempre fatto.

E purtroppo, a volte, bisogna accettare di aver sbagliato e che certe cose non siano più recuperabili. Amen, questa è andata, ma serva di lezione per la prossima!

Lezione che volevo condividere con voi, per non dimenticare e perchè vi possa servire, nel caso siate in situazioni simili, a darvi il coraggio di vivere le vostre emozioni al 100%, senza paure, senza regole, senza liste.

E fregatevene del passato. Troverete ancora persone che vi mentiranno e che vi faranno male, ve lo garantisco, mettetevi l’animo in pace. Ma se vi comportate dubitando di tutti, farete in modo che ve ne facciano anche quelle che, in realtà, non ne avevano nessuna intenzione.

Perché complicarci la vita…

foto (25)

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

8 commenti

  1. jacopo

     /  marzo 6, 2014

    l’unica vera verità è la pelle, lo sai. seguila, e non sbaglierai.

    Rispondi
  2. Quanto hai ragione…! Siamo maestri a complicarci la vita (:

    Bel blog! 😉

    Curi – dodicirighe

    Rispondi
  3. Chiara

     /  marzo 12, 2014

    Sono venuta sul tuo blog per leggerti, come faccio ormai da un po’…e sai quando ti capitano quelle strane coincidenze nella vita… proprio oggi ho avuto l’impressione che un ragazzo, che ho conosciuto per lavoro, si stia avvicinando a me.
    Ho passato la serata a guardare la mia bella casetta, i miei spazi, le piccole cose che piano piano ci sto mettendo dentro e a pensare “non ce la farò mai a voler condividere questo spazio con qualcun altro”. Poi ho letto le tue parole, quanta ragione hai Cristina!!
    La paura è una pessima consigliera, ma è anche vero, che fare le cose quando non si è convinti può essere anche peggio.
    Buonanotte!!

    Rispondi
  4. rob

     /  marzo 16, 2014

    Bello leggere questo post… sincero, schietto, umile. Io dico: “L’Uomo (inteso come Uomo e Donna) migliore è colui che abbandona le sue certezze, per ritrovarsele naturalmente dentro di sè!”
    Non cambiare mai, Cristina! Come diceva Jacopo la pelle non sbaglia, ma nemmeno il cuore! 😉 Stammi bene, ciao

    Rispondi
    • Grazie Rob! Questi commenti mi aprono il cuore… Perché mi
      Dimostrano che ci sono ancora le persone sensibili … Grazie 😊

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: