Gli uomini preferiscono le stronze

Gli uomini preferiscono le stronze. E non dite di no!

Perché questo è il frutto di 41 anni di esperienza in cui ho provato ad essere me stessa e sono finalmente arrivata a capire che non funziona.

Io dichiaro pubblicamente che, il prossimo che mi dice quanto sono meravigliosa, perfetta, che non ho sbagliato niente, che non è colpa mia e me lo dice mentre mi gira le spalle e se ne va, gli tiro un calcio in culo cosi forte che senza accorgersene si ritrova a Timbuctù con un diretto solo andata!

Certi uomini sono tanto coraggiosi a parole e a botte di chat, ma quando si ritrovano faccia a faccia davanti a te, diventano così codardi da inventarsi ogni tipo di cazzata, pur di non dirti che semplicemente non gli piaci più.

E sapete, Signore, perché all’inizio erano fuoco e fiamme e adesso non gli piacciamo più?

Perché all’inizio non ne eravamo convinte nemmeno noi e ci veniva naturale fare le stronze.

Perché in fondo c’era quel sorriso che non ci piaceva, quel suo modo un po’ dandy di vestire e di pettinarsi, a volte troppo vecchio, altre troppo giovane, troppo mondano, troppo pantofolaio e mentre noi prendevamo le misure con le nostre insicurezze e i nostri leciti dubbi iniziali, loro, piano piano, si prendevano un pezzettino del nostro cuore.

Ed ecco che improvvisamente avviene quello che non dovrebbe mai capitare: iniziano a piacerci!

E quello, Signore, è il momento in cui iniziate a perderli.

Il momento in cui gli volete fare una sorpresa, in cui gli preparate la cena con il suo piatto preferito, in cui spostate i vostri impegni pur di stare con lui ecco, esattamente quello, è il momento in cui gli avete indirizzato il cammino verso l’uscita principale.

Odio ammetterlo, ma la furbizia ci vuole, le tattiche pure.

E non credete a tutti i commenti che gli uomini faranno (anche a questo articolo) dicendo che non è vero, che loro apprezzano spontaneità, genuinità, naturalezza, e vi porteranno mille esempi di donne semplici con cui stanno o sono stati che però, guarda caso, non siete mai voi.

Fategli credere di essere naturalmente stronze, ma se vi dovesse venire naturale dirgli che vi piace cosi tanto, che era tanto tempo che qualcuno non vi faceva battere il cuore, che non vi siete mai sentite così prima, che vi state innamorando di lui…ecco, Signore, mettetevi un tappo in bocca, alzate i tacchi e scappate il più lontano possibile finché, questo momento di delirio romantico, non siete certe che vi sia totalmente passato. Fatelo, davvero, vi prego!

E’ un po’ come il discorso delle tette finte. Se chiedi agli uomini, 9 su 10 ti dicono che non le amano e che preferiscono al tatto quelle naturali, che non c’è paragone.

Poi li vedete taggati su Facebook in un fidanzamento lampo ufficiale con Miss maglietta bagnata 2015 che di naturale ha tutto, tranne che le tette. Con la stessa, a breve, si sposerà e avrà un esercito di figli che si nutriranno dalle sue tette finte.

E’ la stessa cosa delle donne che non sono interessate ai soldi, ma poi, se uno le va a prendere con la Alfetta scassata, il giorno dopo cambiano numero di telefono o si fingono malate terminali.

Oggi si predica bene e si razzola male. Io per prima, tanto saggia qui a dare consigli a voi, quanto poi totalmente incasinata nella mia vita.

Perché quelli che più ci fregano non sono gli stronzi, no, con gli stronzi sappiamo come comportarci, li sappiamo affrontare, siamo preparate, teniamo le barriere alte. Chi ci frega sono quelli che dormono con noi, che fanno la spesa con noi, che parlano di noi ai genitori, cucinano per noi e poi, di punto in bianco, ci piantano con il sorriso, tanto affetto e un lungo abbraccio (e ci accompagnano celermente all’uscita).

Se vogliamo però cercare di evitare tutto questo io, per esperienza, vi sconsiglierei a priori qualche categoria inevitabilmente deludente:

1)      quelli che non hanno l’orario su whatsapp (perché la mamma si preoccupa se lui non risponde, ovviamente)

2)      chi vi dice che non vuole essere taggato con voi sui social  (perché è una persona riservata. Sicuramente, quando è a letto con le altre!)

3)      chi vi parla delle ex (ma con chi stai con me o con lei, sono confusa)

4)      ossessivi compulsivi maniaci del lavoro (egoisti e predestinati a vivere soli, lasciate stare)

5)      chi si “innamora” troppo velocemente (con la stessa velocità si disinnamorerà)

6)      quelli con più di 10 anni di differenza di età. (in su o in giù, 10 è il massimo tollerabile per avere vite simili)

 Per tutto il resto, Signore, siate stronze, furbe e senza pietà!

artstr