Persone giuste, persone sbagliate

Non esistono persone giuste o sbagliate e nemmeno momenti giusti o momenti sbagliati.

Esistono solo persone che si innamorano e persone che non si innamorano.

Mi chiedete tanti consigli in merito, spesso mi dite che non siete sicuri che la persona che frequentate sia quella giusta, magari perché completamente diversa da ciò che vi siete sempre immaginati al vostro fianco o peggio ancora, da ciò che gli altri si immaginano accanto a voi. Oppure mi chiedete se conviene uscire o meno con un uomo che si è da poco sfidanzato, magari dopo una convivenza molto lunga o, altre volte, avete troppi corteggiatori e avete paura di fare la scelta sbagliata. E così via, i mille quesiti dell’amore…

Ma la mia risposta resta sempre la stessa  per tutti ed è ciò che profondamente penso: uscite con chi vi pare, seguite il cuore, abbandonate completamente gli schemi, smettete di decodificare e iniziate a vivere. E  ve lo dice una che, per colpa di questi stupidi schemi, ha fatto allontanare tantissime persone.

Se incontrate una persona che è destinata a diventare il vostro grande amore, lo sarà anche se si è sfidanzata un minuto prima, se vive dall’altra parte del mondo o se fa una vita completamente diversa alla vostra. Non esisteranno tempi o scuse, vi innamorerete e basta. Quindi, precludervi una storia solo per dei preconcetti, credo sia profondamente sbagliato. Vivetela e basta, perché se è amore, il passato non condizionerà il presente e ve ne accorgerete giorno dopo giorno.

D’altro canto, fissarsi con chi palesemente non vi vuole, è certamente una perdita di tempo inutile.

Come lo capite, mi chiederete; beh, nel profondo del vostro cuore lo sapete in realtà. Solo che qualcosa vi porta a cercare delle scuse per non allontanarvi da lui, magari per un isolato momento magico trascorso insieme che, nei deliri romantici, soprattutto femminili, porta a sperare che quell’unico momento, possa in qualche modo miracolosamente tornare. Ecco, in questo caso, dovreste lasciar perdere, non accadrà. Perché l’amore è un insieme di momenti magici che, di certo, non si limiteranno ad un solo episodio.

Di recente, grazie a una persona a cui voglio un bene infinito, ho imparato una cosa nuova che, secondo me, aiuta molto ad avvicinarsi alla felicità: ovvero a lasciar accadere le cose senza corrergli incontro, senza annientarle sul nascere, senza soffocarle. Quante volte mandiamo all’aria delle situazioni perché chissà chi, ha scritto non si sa bene dove, che sono situazioni sbagliate. Ma poi sbagliate per chi?

Abbiamo tutti la tendenza a ragionare con i nostri preconcetti mentali e con le nostre tempistiche e, spesso, trascuriamo di considerare quelle di chi ci sta accanto.

Quindi di “regola” o accade quello che ci aspettiamo o chiudiamo la porta e ce ne andiamo.

Ma avete mai pensato che questa persona, potrebbe avere un vissuto alle spalle che magari è diverso dal nostro? Magari i sentimenti ci sono, ma non c’è ancora la consapevolezza di averli e, chiudendogli  la porta in faccia, togliamo anche a noi stesse, la possibilità che si possano sviluppare. Una sorta di “sentimento castrato” insomma.

E questo, purtroppo, verso i 40 anni è sempre più frequente perché, le donne in particolare, si sentono sfiorire e accusano la minaccia dell’implacabile orologio biologico.

E cominciano a diventare ansiose e a fare un sacco di danni.

I miei genitori mi dicono sempre “la fretta è una cattiva consigliera”. E quanto hanno ragione.

Io credo che come sempre non ci siano regole e che le regole siano la tomba  dell’amore e delle emozioni. Ogni storia è diversa, le persone sono tutte diverse e, ancor di più, ogni unione tra le persone è unica e diversa.  

Può capitare che vi innamoriate in un giorno, per quanto non ci crediate o per quanto lo neghiate agli altri e a voi stessi vi garantisco che può accadere.

Poi potete non dirlo, non ammetterlo, fingervi freddi e distaccati. Ma  può accadere. Non c’è una regola, può accadere subito, o dopo  un mese o dopo un anno, o dopo che lo avete allontanato, ogni storia è una storia nuova e certamente diversa da qualsiasi altra storia.

E non c’è “ex” che tenga, non c’è momento giusto, non c’è persona sbagliata, non c’è schema assurdo che possa decodificare nulla, è tutto solo questione di amore.

Perché non è vero che non ci colpisce più, Cupido è attivo e operativo e scaglia le sue frecce in continuazione. L’amore c’è, le emozioni ci sono, e vi assicuro che sono belle forti, siamo noi che spesso le soffochiamo.

Come evitarlo?

Basta smettere di pretendere e iniziare a dare

Basta smettere di aggredire e iniziare ad accettare.

Basta fare ciò che sentiamo, senza aspettarci nulla in cambio

Basta iniziare a mettere la sua felicità prima della tua

Certe persone sono predestinate. Per quanto si cerchi in ogni modo di allontanarle per i motivi più assurdi, si riavvicineranno sempre. Le potete bloccare, allontanare, evitare. Ma se sono nel vostro cuore torneranno sempre, inutile combatterle.

Le cose possono andare bene da subito, possono non andare bene mai o si può darsi il tempo di prendere le misure per cercare un percorso da fare insieme. Possono capitare mille cose diverse, lasciatele accadere.

L’unica cosa che posso dire non faccia mai parte dell’amore e che anzi, ci allontani da esso, è tutto ciò che gira intorno all’aspettativa. Quella sorta di “uomo immaginario” con quell’insieme di comportamenti che dovrebbe avere, compresi gli stupidi decaloghi che posso aver scritto in passato in questo Blog. Tutto ciò che immaginiamo, che vorremmo, che ci aspettiamo, ci tiene lontano da ciò che abbiamo. Il pensare di volere altro, di poter avere sempre di più (chissà poi di cosa), di volere qualcosa che piaccia agli altri più che a noi, ci impedisce di fermarci e di guardare.

Ma  è solo quando iniziamo ad osservare chi abbiamo davanti che accade. Quando ci rendiamo conto che i suoi difetti, il suo essere così lontano da quello che ci siamo sempre immaginati, che è proprio quello in realtà ciò che più ci fa battere il cuore…

E’ in quel preciso momento, che ci innamoriamo.

Perdonatemi la dovuta citazione del maestro Yoda, di cui sono una grande fan: “disimpara ciò che hai imparato”

Può sembrare un’assurdità, ma funziona…

IMG_0983

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

12 commenti

  1. Ciao Cristina, il tuo discorso non fa una grinza, ma spesso mi riconosco in quelle donne che si fissano a stereotipi o a persone ‘sbagliate’ nel senso che non sono destinate o ‘giuste’ per noi e insistere porta all’impedimento che accada qualcosa di bello. Forse in passato avrò fatto delle valutazioni sbagliate per paura o perché pensavo che dietro l’angolo ci sia qualcosa di meglio, non prendendo in considerazione chi mi voleva conoscere.
    In ogni caso sarebbe bene abbandonarsi e lasciare che le cose accadano, perché se andiamo verso quella direzione la vita ci sorridera’!

    Rispondi
  2. Ho passato un periodo un po’ triste qualche anno fa da cui sono riuscita a superare con il tempo, liberandomi di un vuoto che poi ho colmato grazie alla musica e alla lettura di un libro ‘la vita che sei’, forse ne avrai sentito parlare, che dà semplicemente dei suggerimenti sulla consapevolezza di chi siamo nella nostra parte più vera, la nostra anima.
    😊😉

    Rispondi
  3. luca

     /  gennaio 29, 2016

    selezione,selezione,selezione sempre! guai a non farlo,potrebbe venir fuori un disastro epocale. Noi sappiamo benissimo quello che vogliamo e se non arriva amen staremo da soli quindi in ottima compagnia.

    Rispondi
  4. Cecilia

     /  gennaio 31, 2016

    Ciao metamela, e’ da un po’ che ti seguo slenziosa oggi ho deciso di farmi sentire per dirti che questo articolo è uno dei migliori e mi sento molto in sintonia con ciò che hai scritto.

    Notte,
    Cecilia

    Rispondi
  5. Non esistono persone giuste o sbagliate, ma solo “incastri” che a volte funzionano ed altre no.
    Chi calcola cosa sia meglio per lui/lei ha già perso in partenza, perché a meno che entrambi non ricavino uguali benefici non potrà funzionare ….e comunque tutto è perfettibile, quindi è perfettamente inutile anche solo desiderare il “meglio”.

    Rispondi
  6. fan

     /  giugno 22, 2016

    perche da gennaio non scrivi più?!?!!?!?!?!?!?!?!?!?!!?!?!?!??!?!?!?!?

    Rispondi
    • Hai ragione… Non ho più avuto tempo perché mi sto dedicando alla croce rossa come volontaria .. Ma prometto che cercherò di tornare a scrivere il prima possibile 😊

      Rispondi
  7. Paolo

     /  luglio 2, 2016

    Il tuo modo di parlare mi piace. Spero di poter parlare con te 😀

    Rispondi
  8. fan

     /  agosto 29, 2016

    8 mesi senza blog…..troppoooooo!!!!!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: