Dieci cose fondamentali che gli uomini dovrebbero capire

Io fatico a capire il motivo per cui, nel 2017, non ci sia ancora un manuale legalizzato di reciproca comprensione per uomini e donne.

Tanto le lamentele sono sempre le stesse: loro dicono che siamo pesanti, togliamo la libertà, li soffochiamo, gli togliamo tempo al calcio, ai videogiochi, alle birre con gli amici e gliela diamo troppo poco.

Noi lamentiamo invece una scarsa attenzione nei nostri confronti, il non ascolto, la non presenza, la mancanza di buone maniere e, fondamentalmente, se fossero più romantici,  gliela daremmo anche un pò di più, evitando i nostri famosi mal di testa.

Ora, cari maschietti, nel mio piccolo, vorrei  farvi un grande regalo e darvi un importante contributo per permettervi di evitare certi errori, invitandovi ovviamente a fare lo stesso, in modo tale da capirci tutti meglio.

Perché io sarei più che felice di avere delle istruzioni per capirvi, quindi approfittatene e fatene tesoro!

Partiamo dall’ABC:

1) IL CONTO: allora, l’emancipazione, Signori belli, non c’entra nulla con il vostro essere taccagni! NOI, possiamo serenamente pagarci una cena o una colazione o un week end, ma se ci state invitando VOI, il conto spetta a VOI (Galateo docet). Fate un rapido calcolo di cosa vi potete permettere, perché vi assicuro che fate molta più bella figura a portarci in pizzeria e pagare voi, che in un ristorante stellato e chiederci la nostra metà. E per tutti quelli che hanno già la tastiera calda per dire qualche fesseria sulla parità o su argomenti simili, rispondo subito che nessuno, qui, vuole farsi mantenere da voi! Io sto parlando di galanteria, di eleganza, di classe, che non c’entrano nulla con questo nè con la noiosa accusa che cerchiamo qualcuno ricco. Si può essere Signori senza soldi e si può essere taccagni e cafoni anche pieni di soldi (e questi ultimi, purtroppo sono tanti).  Le donne, quelle vere, quelle che vi dovreste scegliere, poi trovano sempre il modo di sdebitarsi e ricambiare. Per quanto riguarda voi, abbiate la dignità di proporre quello che potete permettervi di offrire e non quello che potete permettervi di dividere. E’ molto diverso!

2) SCELTA RISTORANTE: quando ci invitate a cena, se l’invito parte da voi, il ristorante, signori cari, lo dovete scegliere e prenotare voi. Colgo l’occasione per un piccolo sfogo personale: io non mangio pesce e mi rendo conto che questo, per la maggior parte delle persone, sia un reale dramma che porta ad andare in crisi esistenziale. Però, mi mettete in imbarazzo se mi costringete a dover rovinare la magia della prima uscita ritrovandomi in un ristorante dove non mangio nulla che, non capisco il perché, è quasi sempre un sushi o un ristorante solo pesce. Se non conoscete bene la donna con cui state uscendo, diamine, è cosi difficile prenotare un ristorante italiano dove si mangia tutto? Inoltre, nota numero due, il fatto che io non mangi pesce non vuol dire che in automatico dobbiamo andare in un ristorante di carne!!! Non conto piu’ le volte in cui sono stata nei ristoranti argentini della città, probabilmente mi faranno una tessera ad honorem! Fine dello sfogo personale. Un pò più di fantasia dai! E, ovviamente, passatela a prendere e non ditele “ci vediamo lì”!

3) COSTUME DA BAGNO: lo slippino no, vi prego! Su di me ha lo stesso effetto che per voi può avere la ballerina abbinata alla mutanda della nonna! Innanzitutto vi sta male, siete inguardabili, anche se avete un bel fisico. Secondo, se è un tema di abbronzatura, vi assicuro che lato nostro non ce ne frega nulla. Terzo se volete mettervi la mutanda, poi non lamentatevi se noi ci soffermiamo a guardare i surfisti con quei costumi lunghi, molto piu’ virili e sexy dei vostri e vi consiglio di alzare subito i tacchi e andarvi a cambiare!

4) DEPILAZIONE: ma perché vi depilate? No davvero, perché vi ostinate a perseguire un modello effemminato che proprio non ci piace? Noi siamo attratte dal maschio virile che ha i peli, tolleriamo che ve li togliate al massimo sulla schiena, ma vi prego, lasciateveli altrove, ovunque! Perchè non è bello guardare qualcosa che sembra un pollo spelacchiato…

5) ACCESSORI: sono due gli accessori a mio avviso consentiti all’uomo etero: l’orologio e, se sposato, la fede nuziale. Tutto il resto è di cattivo gusto e lontano da tutto ciò che è considerato elegante.

6) CAPELLI, BARBA E SOPRACCIGLIA: lasciate tutto naturale per favore. Punto!!

7) DIETA: mangiare è come fare l’amore, una cena può essere un vero e proprio preliminare e il rapporto tra cibo ed emozioni, credo sia direttamente proporzionale. Valutate voi se volete proseguire la serata con un uomo che mangia solo verdura e gallette!

8)I SELFIE: allora qui è inutile che mi diciate che uomo e donna siano uguali. No signori, la donna da che mondo e mondo è vanitosa, è  donna e, apparire, è una cosa per lei assolutamente naturale e normale. Una volta lo faceva con pizzi e merletti, oggi lo fa con i selfie. L’ uomo che vive di selfie con la boccuccia a culo di gallina, invece, è totalmente innaturale. La prima donna, deve essere una donna Signori! La parola stessa lo suggerisce. Lasciate perdere la vanità se volete essere considerati uomini veri!

9) IL CORTEGGIAMENTO: allora, non ne siete più capaci (o lo sono in pochi) e questa è una certezza. Senza pretendere tanto, perché oramai ci ho rinunciato, riuscite almeno a cercare di dare una lontana percezione di piacere in quello che state facendo, senza farlo sembrare un favore?  Sarebbe già qualcosa…

10) WHATSAPP: Ultimo, ma non meno importante. Io in questo sono estrema, me ne rendo conto: se non mi rispondete vi elimino! Ma non perché, come mi è capitato di sentirmi dire, io sia matta. No, molto più banalmente, perché alla mia età, so perfettamente cosa ci sta dietro a quella “non risposta” e a quel tipo di persona e, semplicemente, non mi interessa! Non è difficile da capire, non devo essere accomodante con chi non mi va di esserlo, abbiamo cosi poco tempo libero, se permettete, lo uso con le persone che sono allineate a me e che mi fanno stare bene. Chi non risponde, non rientra tra queste. Mi piacciono le persone limpide, trasparenti e soprattutto educate. La vita è una continua scelta e questo è quello che scelgo io per essere felice a modo mio.

Quindi facendo un rapido punto, care lettrici, se avete tra le mani un uomo che gestisce bene anche solo la metà di queste cose, tenetevelo stretto! Perché credetemi, sono una rarità!